Promuovere l'immagine unitaria dell'offerta turistica nazionale

Facebook logo Twitter logo Newsletter logo

Sostenere il golf, eccezionale catalizzatore di flussi internazionali

23 Giu, 2010

Anche quest’anno l’ENIT-Agenzia propone l’offerta golfistica italiana al BMW Golf International Opening 2010 di Monaco,

la più importante manifestazione del Tour europeo in Germania.

Oltre all’allestimento di uno stand, è in programma nella Vip-Lounge dell’Open, il 25 giugno prossimo, una conferenza stampa per la presentazione del panorama golfistico italiano, alla quale è prevista la partecipazione di oltre 70 persone, tra rappresentanti della stampa specializzata ed operatori tedeschi. Ospite della conferenza il rappresentante del progetto “Italy Golf&More che comprende 6 Regioni: Friuli, Sicilia, Lombardia, Liguria, Piemonte ed Emilia Romagna.

Nel mercato europeo, la Germania, la Gran Bretagna, la Francia e la Svezia rappresentano l’85% dei golfisti europei e generano un elevato numero di vacanze golf.

In particolare in Germania, iI golf è uno sport molto diffuso, con circa 600.000 giocatori praticanti e 777 campi di golf. La Baviera, con i suoi 178 campi, di cui 34 nell’area della città di Monaco e con 135.000 giocatori, per la vicinanza con il confine italiano, rappresenta uno dei bacini più importanti per i flussi incoming di turisti golfisti, soprattutto per le regioni del centro-nord.

Al BMW Golf International Opening è prevista un’affluenza di circa 62.000 persone, oltre agli spettatori che seguiranno l’evento sulle emittenti televisive, nazionali ed internazionali.

“Il golf è uno strumento eccezionale per destagionalizzare perché il favore del nostro clima permette di giocare tutto l’anno”, fa notare il Presidente dell’ ENIT-Agenzia, Matteo Marzotto.

“Inoltre, in un momento in cui c’è un’ attenzione sempre maggiore verso l’ambiente e la salute, il golf è vincente perché si gioca in mezzo alla natura e permette un turismo slow. Al Nord è già una realtà importante con tante strutture che possono far aumentare i turisti interessati, che, solo in Europa, nel 2010, dovrebbe superare il tetto di 4 milioni di giocatori (secondo l’European Golf Association). Ma può essere anche una grande opportunità per il Sud”.

“Il target golfistico è una potenzialità non sufficientemente sviluppata nella nostra offerta turistica. Per questo ENIT, di concerto con il Ministro del Turismo On.Brambilla, sta avviando specifiche iniziative per il suo rafforzamento e potenziamento - aggiunge il Direttore Generale, Paolo Rubini.

Si tratta di un segmento di cliente con forte potere di spesa, amante della natura, propensione al viaggio costante durante l’anno ed in grado di destagionalizzare radicalmente i territori; in pratica, il nostro turista ideale. Le agenzie turistiche confidano molto sul golf: su 100 tour operator di tutto il mondo, 89 stimano il turismo legato al golf in forte crescita nei prossimi 15 anni”.

Back to top