Area Media

ENIT, l’Italia parla portoghese e investe per la prima volta sul turismo di lusso in Sud America

10 Maggio 2024
ENIT, l’Italia parla portoghese e investe per la prima volta sul turismo di lusso in Sud America

COMUNICATO STAMPA


ENIT, L’ITALIA PARLA PORTOGHESE E INVESTE PER LA PRIMA VOLTA SUL TURISMO DI LUSSO IN SUD AMERICA

A ILTM LE NUOVE PROPOSTE DI UN’ITALIA ATTRATTIVA

OLTRE 400 MILA PASSEGGERI AEREI IN ITALIA DAL SUD AMERICA

BEN 900 MILIONI SPESI IN ITALIA DAI VIAGGIATORI BRASILIANI, MESSICANI E ARGENTINI

L’Italia investe sul turismo luxury sudamericano. ENIT per la prima volta a ILTM in Sud America con ben 12 aziende leader dei viaggi per sviluppare nuovi trend turistici non legati solo al turismo di ritorno ma anche al circuito altospendente.


Nel 2023, i latinoamericani in viaggio verso l’Italia aumentano del +58,4% rispetto all’anno precedente. Cresce anche il numero dei pernottamenti e la spesa turistica, rispettivamente del +44,8% e dell’+83,0%. All’incremento delle entrate contribuiscono maggiormente i viaggiatori provenienti da Brasile (36,1%) Messico (20,8%) e Argentina (19,3%), la cui spesa nel complesso rappresenta il 76,0% del totale. Gli introiti legati ai viaggi per vacanza in Italia da questi 3 mercati ammontano a 900 milioni di euro, aumentano dell’+80% circa sul 2022 ed incidono per il 64,2% su quelli complessivi.


La scelta dell’alloggio per la vacanza ricade soprattutto su alberghi e villaggi turistici. In queste strutture ricettive, la quota della spesa passa dal 74,8% del 2022 al 76,4% nel 2023, mentre l’incidenza dei pernottamenti sale al 64,3% nel 2023 contro il 52,0% dell’anno precedente. (Fonte: Ufficio Studi ENIT su dati Banca d’Italia). Nel 2023, sono circa 404 mila i passeggeri aeroportuali arrivati in Italia dai principali paesi latinoamericani, in aumento del +52,4% sul 2022. La maggior concentrazione degli arrivi si ha in primavera inoltrata tra maggio (11,0% sul totale flussi) e giugno (10,5%) e nei mesi di luglio (11,3%) e settembre (12,1%).


L’82,5% delle prenotazioni riguarda voli di andata e ritorno. Si viaggia principalmente in coppia (37% delle prenotazioni) e in classe Economy (85,0%). Nel dettaglio, si tratta di 202 mila flussi aeroportuali dal Brasile (+52,0% sul 2022), 120 mila dall’Argentina (+56,7%) e 64 mila dal Messico (+46,7%).


I brasiliani prenotano 90 giorni prima della partenza, generalmente a marzo per visitare l’Italia a giugno e a settembre. La durata media del soggiorno per loro è di 17/18 notti. Gli argentini partono quasi 100 giorni dopo aver prenotato il viaggio aereo verso l’Italia. Si pernotta quasi un mese, preferibilmente in settembre. La finestra di prenotazione dei voli dal Messico verso l’Italia è in media di 70 giorni, per un soggiorno di 16 notti da trascorrere soprattutto a luglio.


Nei primi 4 mesi del 2024, si contano 102 mila passeggeri confermati dai 3 paesi dell’America Latina, con un aumento del +1,5% sul medesimo periodo del 2023. La finestra di prenotazione è di 85 giorni per un soggiorno in Italia di 20 notti. Il 56,0% delle prenotazioni sono effettuate dai brasiliani (Fonte: Ufficio Studi ENIT su dati Data Appeal, prenotazioni tramite GDS).


"L'Italia si conferma leader nel settore del lusso attraverso la partecipazione attiva alle fiere internazionali specializzate, dove vanta l'eccellenza indiscussa del Made in Italy. La presenza italiana a ILTM latino America rappresenta un'opportunità strategica per consolidare il posizionamento globale della Penisola, attrarre investimenti e partnership di prestigio e promuovere il made in Italy come simbolo di eleganza e raffinatezza. ENIT sta potenziando il comparto puntando ora anche su mercati ai quali si guardava per altri segmenti e target. In un contesto economico globale sempre più competitivo, è fondamentale cogliere le opportunità offerte dal mercato sudamericano del turismo del lusso. Solo le aziende che saranno in grado di anticipare le tendenze e soddisfare le esigenze dei turisti più esigenti potranno garantirsi un successo duraturo e consolidare la propria posizione nel settore”, commenta Alessandra Priante, Presidente ENIT.


“La regione sudamericana vanta una crescente classe media in espansione, che sta aumentando la domanda di prodotti e servizi di lusso. Inoltre, i turisti provenienti da Paesi come il Brasile e l'Argentina sono sempre più interessati a esperienze esclusive e di alta qualità in Italia. Il turismo del lusso offre opportunità uniche per differenziarsi dalla concorrenza e posizionarsi come leader di mercato. Attraverso investimenti mirati nella creazione di infrastrutture di lusso, partnership con brand prestigiosi e campagne di marketing strategiche, le aziende possono conquistare una fetta importante del mercato sudamericano”, dichiara Ivana Jelinic, Ad ENIT.


Francesca Cicatelli

Ufficio stampa ENIT

Tel: 392 9225216

francesca.cicatelli@enit.it